AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

domenica 28 maggio 2017

"I Romanov: 1613 - 1918" una nuova biografia di Simon Sebag Montefiore

Buongiorno lettori, e buona domenica!
Ve lo avevo annunciato all'inizio dell'anno sulla pagina facebook del blog, ma ora voglio confermarvelo anche qui in un post tutto dedicato: grazie a Mondadori, la studiata e colossale biografia di Simon Sebag Montefiore sulla dinastia della famiglia russa Romanov vedrà la luce tra pochi giorni anche in Italia.
Si tratta di un libro massiccio, un must have per gli amanti delle opere russeggianti! Fatemi sapere se lo leggerete!

I Romanov: 1613 - 1918
The Romanov
Simon Sebag Montefiore
Mondadori, 972 pp, 40€, giugno 2017

SinossiI Romanov hanno governato per oltre tre secoli un sesto della superficie terrestre e sono stati la dinastia di maggior successo dell'era moderna. Come ha potuto una sola famiglia trasformare un piccolo e oscuro principato nel più grande impero del mondo? Quale prezzo di sofferenze e di sangue hanno dovuto pagare i loro sudditi? E perché e come il loro dominio ha di colpo iniziato a franare all'inizio del XX secolo? Simon Sebag Montefiore, profondo conoscitore dell'universo russo, è riuscito a rispondere a queste domande racchiudendo in un'unica, appassionante narrazione la vertiginosa avventura di una ventina di zar e zarine, valutati e descritti non solo negli scenari della storia maggiore – incoronazioni, complotti, avvicendamenti dinastici –, ma, con il supporto di documenti e carteggi recentemente emersi, anche in quelli meno noti della vita privata e familiare. Per realizzare il suo titanico progetto, Sebag Montefiore ha suddiviso la trama del racconto in 3 atti e 17 scene, i cui cast sono gremiti dei personaggi più disparati: ministri e boiari, impostori e avventurieri, arrampicatori sociali e cortigiane, rivoluzionari e poeti. Dopo Pietro il Grande, visionario e spietato modernizzatore, spiccano su tutte le figure delle due volitive e innovatrici zarine Elisabetta e Caterina, con le loro corti di amanti e favoriti, e dei grandi zar dell'Ottocento: Alessandro I, che respinse e incalzò fino a Parigi l'esercito invasore di Napoleone Bonaparte, e Alessandro II il Liberatore, ripagato per l'abolizione della servitù della gleba con sei attentati, di cui l'ultimo mortale, tragica premonizione degli orrori del XX secolo. È infatti sotto il segno sanguinoso del massacro della famiglia di Nicola II e Alessandra, gli ultimi regnanti, che si conclude nel 1918 la parabola dell'autocrazia zarista e si apre una nuova epoca, quella del bolscevismo. Benché anche quest'ultima sia ormai storia di ieri, l'autore sembra presagire per il sogno imperiale dei Romanov e del popolo russo un possibile futuro nel mondo contemporaneo: per i suoi spazi immensi, per la sua singolare collocazione geopolitica che le assegna un ruolo di inevitabile protagonista delle vicende di due continenti, per la sua memoria storica e culturale, per l'indole stessa della sua gente, la Russia potrebbe essere spinta a ripercorrere, prima di quanto si immagini e con esiti oggi imprevedibili, sentieri già battuti.


L'autore
Simon Sebag Montefiore, storico e scrittore, è uno dei massimi esperti di storia russa e sovietica, alla quale ha dedicato numerosi saggi e biografie. I suoi libri, vincitori di numerosi premi letterari, sono stati tradotti in 48 lingue, imponendosi come bestseller internazionali, e hanno ispirato film e sceneggiati televisivi. È autore, fra gli altri, di Gli uomini di Stalin. Un tiranno, i suoi complici e le sue vittime (2005), Il giovane Stalin (2010), Jerusalem (2011), e i romanzi Sašenka (2009) e L'amore ai tempi della neve (2013).

martedì 16 maggio 2017

Blogtour "Panorami d'inchiostro": La Londra vittoriana di Michel Faber


Buonasera a tutti miei cari lettori!
Oggi, in occasione del maggio dei libri, siamo giunti alla mia tappa del blogtour "Panorami d'inchiostro" che vi avevo brevemente illustrato nel post precedente qui.
In ogni tappa di questo BT verranno illustrati i mondi e i paesaggi "fantastici" creati e immaginati da diversi autori per i propri libri o quelli riadattati prendendo spunto dalle realtà passate o presenti.

Qui vorrei illustrarvi, come da titolo, uno degli scenari libreschi e non che più mi affascinano all'interno del quale è ambientato uno dei miei libri preferiti in assoluto, ossia "Il petalo cremisi e il bianco" di Michel Faber (per la recensione al libro qui).

venerdì 12 maggio 2017

Per "Il maggio dei libri" due blogtour a tema: "Panorami d'inchiostro" e "Ricordi d'inchiostro"

Salve lettori, e buon pomeriggio!
Oggi vorrei presentarvi un'iniziativa a cui ho accettato con entusiasmo di partecipare nel momento in cui mi è stata proposta.
Si tratta di due blogtour ideati, pensati ed organizzati in occasione de "Il maggio dei libri". Se il clou della primavera è a maggio, durante la quale sbocciano tantissimi fiori, così è per la nostra voglia di leggere: sempre al top!
Di seguito vi lascio il calendario di entrambi i blogtour, cosicché possiate seguirne le tappe.

domenica 23 aprile 2017

Giornata mondiale del libro 2017

Buongiorno lettori, e buona domenica!
Oggi è un giorno importante per noi lettori: è infatti la giornata mondiale del libro.
Nonostante il bel sole (che qui da me è spuntato stamattina), oggi dedicherò il mio tempo libero alla lettura del libro che ormai mi sto trascinando da alcune settimane, ossia "Romanzo siciliano" di Anne Radcliffe. Voi invece come frutterete questa giornata?

Inoltre, per rendere omaggio ai nostri più cari amici, ho pensato di rispolverare un classico di Daniel Pennac, ossia i dieci imprescrittibili diritti del lettore.
  1. Il diritto di non leggere.
    Se non leggiamo, non è vero che non siamo più lettori. Ogni tanto una pausa, per dedicarci ad altre priorità, abbiamo il diritto di prendercela
  2. Il diritto di saltare le pagine.
    È il libro che deve essere al servizio del lettore, non il contrario, perciò se il suddetto libro è noioso in alcuni punti, il lettore deve avere tutto il diritto di saltarli.
  3. Il diritto di non finire il libro.
    Se durante la lettura di un libro troviamo difficoltà nel proseguire, vuoi per termini difficile, per la noia che ci esprime il racconto e semplicemente perchè non ci sta affatto piacendo come speravamo, allora si ha il diritto di lasciarlo da parte. Costringerci a terminarlo sarebbe un errore.
  4. Il diritto di rileggere.
    Se un libro è entrato nella top list dei propri preferiti, non vedo un motivo valido per cui non si debba rileggerlo.

domenica 9 aprile 2017

Giveaway di Pasqua // Vinci una copia di "A darker shade of magic" di V.E.Schwab

Buon pomeriggio lettori!
In questa settimana che si avvicina a Pasqua ho pensato che, complice anche il mio buon umore e la bella stagione, potrei farvi un altro piccolo regalino.

Stavolta la mia scelta è ricaduta su un libro ancora inedito in Italia, ma di cui i diritti sono già stati acquistati da Newton Compton, quindi tra alcuni mesi o poco più è probabile che lo vedremo anche nelle nostre librerie.
Ma nel frattempo, per chi volesse cimentarsi con la lettura in lingua, può afferrare al volo quest'occasione e tentare di vincere una copia cartacea di "A darker shade of magic" di V.E.Schwab, primo libro della serie "Shades of magic".
<a href="http://thebookishteapot.blogspot.de/2017/04/giveaway-di-pasqua-vinci-una-copia-di.html"><img src="http://imgur.com/PTW63Wk.jpg" width="244"></a>

TRAMA (FONTE PER L'ITALIANO LILY'S BOOKMARK): Kell è uno degli ultimi viaggiatori - maghi con una rara abilità che gli permette di viaggiare tra universi paralleli connessi da una CIttà Magica. C'è la Londra Grigia, senza magia e governata dal pazzo Re George III. La Londra Rossa - dove la magia è onorata, e dove Kell è stato cresciuto a fianco dell’Erede al Trono. La Londra Bianca- in cui le persone lottano per il controllo della poca magia rimasta e la magia si difende. E una volta c’era anche la Londra Nera...  Ufficialmente Kell è il Viaggiatore Rosso, colui che recapita lettere tra i Monarchi di ciascuna Londra. Ufficiosamente è un trafficante, un hobby per ribellione che avrà pericolose conseguenze. La sua fuga a Londra Grigia lo condurrà verso un incontro-scontro con Delilah, una ladra con alte aspirazioni, che costringe Kell a portarla con sé in una vera avventura. Ma una antica e malvagia magia è a lavoro, e quella che inizia come un’avventura si trasformerà in una missione per salvare tutti i mondi.