AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

giovedì 20 dicembre 2012

Recensione: "Incontri Proibiti. La Seduzione" di Indigo Bloome

Titolo: Incontri Proibiti. La Seduzione
Titolo Originale: Destined to Play (Avalon Trilogy #1)
Autore: Indigo Bloome
Casa Editrice: Newton Compton
Pagine: 320
Prezzo: 9,90€
Data di uscita: 9 Novembre 2012


Trama
Una donna che vuole osare. Un uomo che sa cosa significa il piacere. Un incontro destinato a sconvolgere l’esistenza. Una trilogia bollente e sensuale.
Sydney. La psicologa Alexandra Blake arriva all’Inter continental Hotel per tenere un ciclo di conferenze sulla stimolazione visiva e il suo impatto sulla percezione. Qui incontra il dottor Jeremy Quinn, suo ex amante e uomo dal fascino misterioso, ora impegnato in una ricerca sull’orgasmo femminile come cura per la depressione. L’uomo la invita a bere nella sua suite di lusso e dopo un paio di bicchieri di champagne, Alexandra accetta di passare con lui il resto del fine settimana, dimenticando i suoi obblighi di moglie e madre. Jeremy le requisisce il cellulare, e in cambio di un’esperienza sessuale che si annuncia irripetibile le impone tre condizioni: che si abbandoni a lui, che non faccia domande, e che indossi un abito rosso. Senza nulla sotto. Alexandra non riesce a resistere al fascino magnetico dell’uomo e accetta tutte le regole del gioco, senza sapere che presto diventerà molto pericoloso.



La mia recensione
**ATTENZIONE** Può contenere spoiler

Una cura contro la depressione? Ve la do io: non leggere libri di questo genere.
Forse sarebbe anche meglio non scriverli, ma non si può voler tutto dalla vita. Quindi mi limito a consigliarne la NON lettura.
Per i reduci di Cinquanta Sfumature & Co., questo libro è per la maggior parte della storia un degno rivale. Tanto più che ho scoperto che anche questa è una trilogia, quindi deduco che non se ne ha mai abbastanza di questo genere, a quanto pare.
Cosa non si fa per un pò di soldi e di successo. Ma mi sa, cara Indigo, che sei arrivata tardi. La James ha già "conquistato" più di mezzo mondo con i suoi scritti pseudo harmony. Il tuo rischia di essere un lavoro creato sulla scia del tema del momento nella speranza di trovare gli stessi lettori là dove le cinquanta sfumature hanno avuto successo.

Tutto ricorda la trilogia della "grandissima" autrice britannica, a partire dal motivo in copertina e dal titolo che si ripresentano anche nei successivi due volumi (non la versione italiana, s'intende. quella è una cosa a parte!).
Praticamente abbiamo il bell'uomo di successo di turno, tale Jeremy, che stavolta non è il giovane e affascinante uomo d'affari a cui tutte le ragazze per bene della città corrono dietro. No, abbiamo un dottore sui quaranta di fama internazionale
La lei della storia invece è una psicologa o simil, con una famiglia "felice" cui prendersi cura tra lavoro e conferenze varie in giro per il mondo.
Ed è proprio con una "falsa" conferenza che la storia ha inizio.
Lei infatti viene attirata a Sydney dal suo ex amante Jeremy (si esatto, loro due sono stati più che amici durante i tempi dell'università) con la scusa di una serie di conferenze a cui avrebbe dovuto tenere discorsi sui suoi lavori, ma in realtà lui la voleva incontrare e non sapeva come fare per non farle capire che dietro a tutto c'era lui.
Insomma, si incontrano, baci e abbracci e lui le chiede se per 48 ore lei non vorrebbe mica abbandonarsi totalmente a lui.
Proposta indecente nel vero senso della parola.
La sua risposta da avvio ad una serie di eventi già visti e rivisti: divertimenti preclusi ai comuni mortali; lussuosità a non finire, scene di letto e molto più con tanto di minuziose descrizioni a dir poco illeggibili.

Il tutto corredato dalla descrizione in prima persona femminile, anche qui molto originale visto che siamo già passati difronte ad altre due trilogie erotiche dove il racconto era narrato dalla lei della storia.
I personaggi di questa storia (come la storia in sè del resto) non mi hanno coinvolto per niente.
Lui è un uomo ambizioso che non accetta un "no" come risposta, anche se non mi pare di aver avuto il sentore che sia uno di quei tipi che farebbero di tutto per raggiungere i suoi scopi.
Lei è la classica lei che non sa valorizzare le sue "capacità" e quindi ci vuole qualcuno che glielo insegni; quella che non crede ai propri occhi anche dopo aver visto con gli stessi.

Insomma, una cosa già vista.
L'unica differenza è che questa trilogia proviene dalla parte opposta del globo.
Pare vogliano creare una sorta di icona erotica per ogni continente. Ci manca solo quella asiatica e africana (se già non esistono, io non ne ho conoscenza) e poi saremmo al completo.
La scrittura stavolta "normale", questo devo concederlo ad Indigo Bloome. Infatti, a differenza della trilogia delle sfumature, i dialoghi di questo libro non sono banali

Comunque le motivazioni o le cause, chiamatele come vi pare, per tutti gli obbrobri che vi sono descritti all'interno di questo libro sono ancor più demoralizzanti degli atti stessi.
E pensare che si tratta di una cosa seria... 
Dico solo: poveri alberi!

Il mio voto




Booktrailer




L'autrice

Indigo Bloome è sposata e madre di due figli. Dopo una brillante carriera nel settore finanziario tra Sydney e il Regno Unito, ha abbandonato la frenetica vita di città per trasferirsi nella provincia australiana, dove ha avuto modo di scoprire ed esplorare la propria vena creativa. La passione per la lettura, l’interpretazione dei sogni, le conversazioni stimolanti e gli intriganti segreti della mente umana l’hanno portata a scrivere la trilogia Incontri proibiti

Nessun commento:

Posta un commento